NOVECENTO: architetture e città del Veneto

Casa per famiglie e lavoratori immigrati/Cantina vinicola "Valentina Cubi"

“Il patrimonio storico-architettonico del Veneto rappresenta un’eredità culturale che tutto il mondo ci invidia: ville e palazzi, centri storici, castelli, città murate, piazze, edifici religiosi sono oggetto quotidiano di attenzione, apprezzamento, studio, documentazione da parte di esperti e visitatori. Centri di ricerca, associazioni, istituti si sono costituiti per la tutela e la salvaguardia di opere e manufatti, taluni anche dall’UNESCO come patrimonio universale dell’umanità.

Ma tutti sanno che c’è un Veneto delle architetture contemporanee che merita di essere conosciuto e valorizzato per la sua influenza sull’evoluzione della tradizione regionale in questa disciplina: si tratta perlopiù di edifici residenziali, opere pubbliche, manufatti industriali che, per l’alta qualità compositiva e tipologica che li connota e anche per la natura storica architettonica, riferito ad un periodo più recente e, forse per questo, meno indagato e conosciuto.

Figure famose e meno famose hanno operato nella nostra regione e dato un contributo fondamentale a rinnovare l’esperienza veneta, intravedendo con la loro ricerca stilistica e formale ad impostare il lavoro di centinaia di studiosi sul territorio dei gioielli di pregio, talora poco apprezzati e in qualche caso sottovalutati o trascurati.”

Luca Zaia

Presidente della Regione Veneto

 

AUTORI

  • libro a cura di Davide Longhi
  • progetto di Giovanni Castiglioni - AcMe studio

ANNO

  • 2012

LUOGO

  • PADOVA

EDITORE

  • Il Poligrafo